Michele Marelli, è internazionalmente riconosciuto come un virtuoso del corno di bassetto e come uno dei migliori solisti di musica contemporanea della sua generazione.

Da sempre attento a varie forme di espressione artistica, si dedica alla pittura da molti anni, attività ereditata dal padre e dallo zio. La sua ricerca espressiva lo porta, dopo una fase di studio sull’uso della grafite nell’iperrealismo del ritratto, al concepimento di una forma d’arte nella quale il collage e l’astrazione si uniscono in una originale fusione di intenti. Al centro della speculazione di Marelli sta la figura femminile, della quale l’artista coglie il lato più nascosto e perverso. La complessa psicologia della donna è analizzata attraverso l’uso di fotografie decontestualizzate e rimaneggiate: le figure umane sono inserite in un paesaggio immaginifico carico di tensione e orrore dove la verità emerge dalla dissezione corporea. Sono donne che “perdono la testa”, scosse, impaurite o eccezionalmente sicure di sé.

Mani gigantesche giudicano, indicano, salvano, solleticano, uccidono.

Il paesaggio, quasi sempre monocromatico, abbandona il dettaglio naturalistico in favore di una ricerca sul colore puro e sulla materia con la quale le tele sono precedentemente preparate: sono muri sporchi che si sgretolano  come i tunnel autostradali della nostra memoria, inquinati dal ricordo di viaggi passati.

 

Michele Marelli, who holds a major in clarinet with highest honors “Summa cum laude” from the Conservatory of Alessandria and a degree in Modern Literature from the University of Turin with a thesis on Stockhausen, is internationally recognized as a basset horn virtuoso and as one of the best contemporary music soloists of his generation.

Always curious about various forms of artistic expression, he has been painting for many years, a gift inherited from his father and uncle. His expressive research leads him, after a phase of study of the use of graphite in hyperrealism, towards the conception of an art form in which collage and abstractism come together in an original fusion of intentions. At the center of Marelli’s speculation is the female figure, which the artist captures in its most hidden and perverse nature. The complex psychology of women is analyzed through the use of photographs which are decontextualized and manipulated: the human figures are set in an imaginary landscape full of tension and horror in which the essence of life emerges through the dissection of the body. They are women who "lose their heads", shocked, frightened or exceptionally self-confident, while gigantic hands judge, show, save, tickle, kill them.

In his mostly monochromatic landscapes, Marelli abandons naturalistic detail in favor of an exploration of pure color and the mixed media with which the paintings are previously prepared: dirty walls that crumble like the highway tunnels of our subconscious, polluted by the memory of past journeys.

 

Le seguenti immagini sono di mia proprietà e sono soggette a copyright; è vietata ogni loro riproduzione o utilizzazione senza mia previa autorizzazione. 

The following works are my own property and are covered by copyright. Unauthorized reproduction or use is forbidden by law.

 

PAESAGGIO ONIRICO – OVVERO LA SICUREZZA DI SE’    (2013)  100x70  

 

"Ratto salvifico-Paolo di Tarso 4,17" (2014)

 

SOGNANDO DI VOLARE ANDANDO AL DI LA' DI ICARO (2014)

 

LASCIA CHE VADANO - OVVERO DELL'IMPOSSIBILITA' DI FERMARE IL TEMPO (2014)

 

 

 

 

ATTENDENDO SALVIFICO IL NAZARENO (2014)

 

IL MURO DEL PIANTO – OVVERO L’ARCANO MISTERO DE LA TORRE DI BABELE (2013)

 

RICORDO FILMICO PATOGENO TRASLATO - OVVERO DEI LUMIERES L'ESPERIMENTO FUGGITO AL CONTROLLO (2014)

 

ASPETTANDO IL TUO MOMENTO   (2011)

 

NONOSTANTE TUTTO VIVA  (2012)

 

PAURA D’AMARE (2012)

 

EQUILIBRIO COSMICO (2013)

 

OZ-IO OVVERO QUANDO DOROTHY ACCENDE LA STUFA (2013)

 

IL CORAGGIO DI ANDARE AVANTI (2011)

 

VERSUCHUNG – OVVERO DI CHI TROPPO HA OSATO (2013)

 

VERTIGO ROJA (2013)

 

 

 

SUL FINIRE DELL’ESTATE - OVVERO IL BOSCO FATATO (2013)

 

LE TRE PARCHE (2013)

 

HEIMATLOS – OVVERO IL TRASLOCO DELL’ANIMA (2013)

 

SE CHIUDI GLI OCCHI (2011)

 

APPESA AD UN FILO TELEFONANDOTI (2012)

 

L’APPARIZIONE DELLA SANTA (2013)

 

ATTRAZIONE MAGNETICA E DIGITALE – OVVERO L’INCANTESIMO (2013)

 

CON LE SPALLE AL MURO (2013)

 

L’ULTIMO SOFFIO (2012)

 

CAREZZE LONTANE (2012)

 

STRISCIANDO AL DI LA’ DEI SOGNI; LA SPERANZA DI USCIRE (2013)

 

SOLA CON I TUOI PENSIERI VAGANDO TU (2012)